Buon Anno!

Mega ciao!
Ora che il 2018 volge al termine è giunto il momento di tirare le somme. Come sapete quest’anno è stato il 40° anniversario del nostro gruppo ed abbiamo festeggiato alla grande con una serie di osservazioni del cielo, una mostra astronomica ed un ciclo di conferenze culminato con l’arrivo del Prof. Kip Thorne. Siamo stati veramente molto felici di vedere come l’astronomia continui ad appassionare adulti e bambini, Ma diamo un po’ di numeri:
– il 27 luglio all’osservazione dell’eclissi totale di Luna abbiamo avuto circa 800 partecipanti;
– nei 10 giorni di apertura della mostra sono passati più di 1000 visitatori (il tempo non ha aiutato quindi è andata bene così…sapete noi astrofili siamo un po’ sfortunati: se organizziamo osservazioni pubbliche è brutto tempo, mentre se apriamo una mostra c’è un Sole che spacca e scappano tutti in montagna #maiunagioia #asansastarkpiacequestoelemento);
– alle conferenze organizzate presso il Lanificio Conte e Palazzo Toaldi Capra abbiamo avuto una media di 90 partecipanti, con un picco di 150 partecipanti alla conferenza del Prof. Giuseppe Tormen;
– alla conferenza del Prof. Kip Thorne abbiamo riempito il Teatro Astra: 875 partecipanti!
E’ stato un anno pazzesco e che ci ha regalato emozioni forti! Non so se è successo anche a voi, ma ogni tanto durante la conferenza di Kip il mio cervello andava in blackout e l’unico pensiero che riusciva a sfornare era: “Porca vacca! Kip sta sul serio tenendo una conferenza qui!”.
Voglio ringraziare ancora tutti gli sponsor ed il Comune di Schio che hanno permesso la realizzazione degli eventi. Ringrazio il Professor Kip Thorne, i Professori Enrico Maria Corsini, Giuseppe Tormen e Paola Marigo dell’Università di Padova, la Professoressa Leopoldina Moro del Liceo Corradini, Alice Sella e Francesca Dal Pozzolo per le bellissime conferenze tenute. Ringrazio i ragazzi del progetto alternanza scuola lavoro del Liceo Corradini di Thiene che si sono dimostrati delle guide incredibili alla nostra mostra. Ringrazio tutti gli astrofili che hanno dato una mano nella realizzazione degli eventi e che hanno costruito gli esperimenti presenti alla mostra. Ringrazio di nuovo Ilaria Tessari, Alice Sella e Francesca Dal Pozzolo che mi hanno dato una mano a selezionare le foto migliori per la mostra, a realizzare le descrizioni e la grafica di tutti i pannelli #sietedeidraghi #dracarys.
Ma soprattutto ringrazio voi che avete partecipato con entusiasmo a tutti i nostri eventi! Se siamo riusciti a trasmettervi un po’ della nostra passione per l’astronomia continuate a seguirci! Il 2019 porterà un’altra bella serie di eventi 😉
Buon Anno a tutti!

Sara

L’evaporazione di un pianeta

Mega ciao!
E’ stato di recente scoperto un nuovo pianeta extrasolare: GJ 3470b. Questo è un oggetto veramente molto simpatico ed interessante. Infatti è un pianeta di tipo nettuniano caldo, con una temperatura di circa 900°C, una massa di circa 13,7 masse terrestri e che la cui orbita ha un semiasse maggiore di 0,03 unità astronomiche, cioè è molto vicino alla sua stella, anzi più vicino di quanto lo sia Mercurio al Sole). La cosa bizzarra di questo pianeta è che sta evaporando, cioè sta perdendo parte della sua atmosfera nello spazio. Il gas perso forma una gigantesca bolla per poi disperdersi nello spazio. La perdita di materiale sembra sia causata dalla radiazione della stella che scalda le particelle dell’atmosfera talmente tanto che queste raggiungono la velocità di fuga. Gli astronomi hanno stimato che nel corso della sua vita il pianetà ha perso più del 35% della sua massa e continuerà a perderne. Di conseguenza si trasformerà in un mini-Nettuniano o in una super Terra.
A presto!

Sara

L'immagine può contenere: notte e cielo